Errore
  • Errore nel caricamento dei dati del feed

Poesie

E’ già stata votata in Parlamento
‘sta legge che si dice “Federale”,
è una cosa che un po’ mi fa spavento,
mi sembra il modo, ma di fassi male !

A una regione tocca il Tagliamento,
a un’altra una pineta o un litorale,
ognuna ne dispone a piacimento,
ecco il Federalismo “Demaniale”.

Così la Lombardia, per risanassi,
sarà costretta a vendessi il Ticino,
le Marche quelle grotte giù a Frasassi

il Piemonte la “Mole” di Torino,
il Lazio, forse, il lago di Bolsena…
…e la Toscana… …si darà via Siena!

Poesia di Civettone 
Ringraziamo l'autore per averci
inviato questo suo sonetto

sito web : www.sonetto.org

AddThis Social Bookmark Button


Sabato, 19 Novembre 2011 22:06

 

Sotto alla casa dove abiti tu
Hanno deciso di di tirar su
Una centrale nucleare
E lo puoi certo capire
Che sarà un affare
Non te ne potrai pentire
Non te scordi più
Ci sarà luce anche di notte
E le zucchine blù

Ogni pericolo è stato
e-li-mi-na-to
Niente sarà contaminato
Da un errore dannato
Quindi tu stai rilassato
hai sempre confidato
nell’efficienza dello stato

Il numero delle centrali
è li-mi-ta-to
Chi resta senza si fotte
Le regioni fanno a botte
Per non essere escluse
Dal privilegio di ospitare
Una centrale nucleare.

E visto che già si annuncia
che l’Italia non rinuncia
A mandare i soldati

AddThis Social Bookmark Button
...leggi tutto!

Giovedì, 10 Novembre 2011 14:43

 
Era l' agosto e un povero uccelletto
ferito dalla fionda di un maschietto
andò per riposare l' ala offesa
sulla finestra aperta di una chiesa

dalle tendine del confessionale
il parroco intravide l' animale
ma pressato dal ministero uggente
rimase intento a confessar la gente.

Mentre in ginocchio e alcuni altri a sedere
dicevano ai fedeli le preghiere
una donna, notato l' uccelletto
lo prese al caldo e se lo mise al petto.

Ad un tratto un cinguettìo ruppe il silenzio
e il prete a quel rumore
il ruolo abbandonò di confessore
e scuro in viso peggio della pece
s' arrampicò sul pulpito e poi fece:
<<Fratelli...chi ha l' uccello per favore
esca fuori dal tempio del Signore...>>.

I maschi, un po' stupiti a tal parole
lenti si accinsero ad alzar le suole,
ma il prete a quell' errore madornale
<<Fermi!!!>> gridò...<<Mi sono espresso male!!!
rientrate tutti e statemi a sentire,
solo chi ha preso l' uccello deve uscire>>

a testa bassa e la coron in mano
cento donne s' alzarono pian piano
ma mentre se ne andavano ecco che il parrco strillò:
<<Sbagliate ancora!!! Rientrate tutte quante figlie amate
che io non volevo dir quel che pensate!!!
Ecco...quello che ho detto torno a dire,
solo chi ha preso l' uccello deve uscire MA...
mi rivolgo, non ci sia sorpresa,
soltanto a chi l' uccel l' ha preso...in chiesa>>

Finì la frase nello stesso istante
le monache s' alzaron tutte quante,
e col volto pieno di rossore
lasciavano la casa del signore
<<Oh santa vergine!>> esclamò il buon prete
<<Fatemi la grazia se potete,
poi...senza fare rumore dico...piano piano
s' alzi soltanto chi ha l' uccello in mano>>.


Una ragazza, che col fidnzato
s'era messa in un angolo appartato
sommessa mormorò col viso smorto:
<<Che ti dicevo ha visto se n' è accorto!>>

( di capitan ovvio )
AddThis Social Bookmark Button


Mercoledì, 12 Ottobre 2011 22:41

 


Monitor EnvirNet per il risparmio energetico - Commercioetico.it
Iscriviti a Cacao il quotidiano delle buone notizie comiche


Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Libera Università di Alcatraz, la tua vacanza in Umbria




Più recenti

Nuove vignette

Login

Comitato Nobel Disabili

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO
Paypal - Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Networketico.it, il più grande database italiano delle associazioni, delle cooperative sociali, ambientali e culturali che operano nel nostro paese
Iscriviti a Networketico.it, il database delle associazioni di solidarietà e del volontariato in Italia

Cacao Il quotidiano delle buone notizie comiche


Gli introvabili di Dario Fo e Franca Rame

Detersivi ecologici Sola con ingredienti a Km zero

Il blog di Jacopo Fo